(1)

 Il "Wettermuseum" di Lindenberg
_
Ritorno alla home page

traduzione di Aki IZ0MVN

Vedere anche: Dalla mongolfiera alla radiosonda moderna -
Sito ufficiale: Wettermuseum

Il museo della meteorologia (e delle misure nell'atmosfera) di Lindenberg è un luogo che merita una visita, non solamente perché tratta dell'argomento che ci interessa, il radiosondaggio, ma anche perché è un modello sul piano pedagogico. Il neofita come l'appassionato proveranno molto piacere a visitarlo. Il Museo si trova a Lindenberg, annesso allo storico Osservatorio meteo tedesco.

Il posto

Lindenberg è un piccolo villaggio situato a 60km in linea d'aria a sud-est del centro di Berlino e a 30km dalla frontiera polacca. Poiché il luogo era una landa desolata ed anche perché si trovava presso una delle rare colline della regione, in una zona veramente piatta, Richard Assmann, sapiente meteorologo tedesco, lo scelse nel 1905 per stabilirvi un centro di studio dell'atmosfera. Un secolo dopo, questo centro è sempre altrettanto attivo in materia di ricerche (studio dell'alta atmosfera) e l'attuale MOL (Meteorologischen Observatorium Lindenberg / Richard Assmann Observatorium) effettua attualmente quattro radiosondaggi al giorno.
Ci si può recare a Lindenberg con il treno, da Berlino o da Frankfurt/Oder, oppure arrivando con la strada B246 dopo aver lasciato l'autostrada E30 a Storkow (rif.
S sulla figura a lato) e presa la direzione di Beeskow.
La posizione geografica del museo (rif.
W sulla figura) è: 52,2046 N/ 14,1165 E
L'indirizzo postale è:
Wettermuseum e. V.
Schulstrasse 4
15848 Tauche, OT Lindenberg.

Gli altri riferimenti sono:
B1 : hangar n°1 di gonfiaggio dei palloni. Ricostruito, viene attualmente utilizzato per la preparazione delle radiosonde;
B2 : antico hangar di magazzino e gonfiaggio dei palloni vincolati e dei cervi-volanti. Restaurato, ospita una esposizione permanente dedicata ai sondaggi con cervi-volanti, palloni vincolati ed anche radiosonde.

L'associazione

Il centenario della creazione dell'Osservatorio di Lindenberg è stato festeggiato nel 2005 e in questa occasione Bernd, Frank, Hans e qualche appassionato di meteorologia e di storia hanno deciso di costituirsi in associazione per costruire un museo della meteorologia e dell'aerologia. Nel 2006, la costituita associazione contava già 45 membri. Per prima cosa serviva un locale per accogliere il pubblico e sistemare un piccolo ufficio: il dipartimento da cui dipende Lindenberg ha prestato loro una costruzione scolastica in disuso. I lavori di rifacimento sono stati portati a compimento da volontari: una sala adibita a luogo di esposizione, un'altra per poter accogliere gli scolari e una terza come ufficio di segreteria. L'associazione aveva anche un indirizzo postale e un posto di accoglienza per i visitatori. La seconda fase fu messa in atto nel 2007 con l'acquisizione dell'hangar di gonfiaggio, costruito nel 1936 (B2 sulla foto aerea qui-sopra). Dal momento che si trattava di un monumento storico, il restauro è stato supervisionato dall'amministrazione competente, i fondi necessari all'operazione sono stati in parte raccolti con l'aiuto della televisione e i benefattori hanno apportato la loro energia. Nel marzo 2007, la costruzione era pronta ad accogliere la grande esposizione permanente.
Nel 2008 l'Osservatorio cedeva all'associazione il terreno situato a lato dell'hangar
B2 con due costruzioni storiche: un edificio in muratura costruito nel 1938 e la seconda Windenhaus, una cabina interamente vetrata che ospita un verricello, costruita nel 1936. Quest'ultima, ugualmente monumento storico e restaurata come tale, sarà presto anch'essa un luogo di esposizione. Resta ora questa costruzione del 1938 da rinnovare e destinare a edificio principale del museo. La più grossa difficoltà da superare è ad oggi il finanziamento; l'associazione si è sostenuta fino ad oggi senza aiuti pubblici, vive delle quote associative dei suoi membri e dei diritti d'accesso pagati dai visitatori (3000 nel 2010) e ricerca nuovi membri e finanziatori.

  
 L'edificio di accoglienza (rif. W)    Siegfried DL7USC, Bernd (presidente) e Hans (storico dell'associazione) nella sala di esposizione e accoglienza.


Gli scopi e le azioni

Come ogni museo che si rispetti, il Wettermuseum si è prefissato di:
- raccogliere, conservare e restaurare tutti i reperti e documenti storici relativi alle misure in atmosfera
- far conoscere e far comprendere al pubblico, e in particolare agli studenti, i fenomeni che si svolgono nell'atmosfera e i mezzi per studiarli;
- contribuire alle ricerche sulla storia dell'Osservatorio e sulle tecniche che vi furono utilizzate (sondaggi con palloni vincolati, cervi-volanti...).
Questi tre obiettivi sono stati raggiunti. Dapprima con la raccolta, grazie a numerosi doni, di un insieme di apparecchi di misura antichi e di radiosonde di ogni provenienza, alcune delle quali datano il periodo immediatamente post-bellico. Antichi cervi-volanti e una razzo-sonda sono presentate con le radiosonde nell'antico hangar di gonfiaggio (rif.
B2), una quindicina di pannelli esplicativi presentano antiche foto che permettono d'immaginare il modo in cui questi apparecchi venivano usati. In particolare, c'è una vetrina che raggruppa i principali componenti delle radiosonde antiche e recenti, cosa che permette a tutti i visitatori, neofiti come anche specialisti, di comprendere il ruolo di ogni componente e di vedere l'evoluzione della tecnologia.
L'accoglienza degli scolari è particolarmente adattata alle visite delle classi nel quadro di progetti pedagogici con dimostrazioni ed animazioni su misura. Gli allievi possono effettuare delle manipolazioni che permetteranno loro di comprendere i fenomeni più semplici relativi alla meteorologia. Lo spettacolo del rilascio della radiosonda delle 12Z è da tutti apprezzato.

La visita

Comincia dalla sala di esposizione dell'edificio di accoglienza della Schulstrasse, la via della scuola. Si trova abbastanza facilmente seguendo le piccole indicazioni. Parcheggio facile.
La cosa migliore è di cominciare guardando un film (sotto-titolato in inglese) di una dozzina di minuti girato verso il 1930, epoca in cui la radiosonda non era ancora utilizzata. Sono richiamati tutti i mezzi di misura nell'atmosfera e in particolare il cervo-volante. Gli strumenti che si scorgono sullo schermo sono là, nella sala: lo psicrometro ad aspirazione inventato da Assmann nel 1889, termometri, pluviometri, apparecchi diversi per la misura dell'irraggiamento solare (a cui l'osservatorio di Lindenberg dedica attualmente grande parte delle sue risorse)...
Vi si scoprono certamente numerosi documenti e foto che permettono d'immaginare quello che era il lavoro dei meteorologi all'epoca di Assmann e di Teisserenc de Bort.
  
 Bernd e lo psicrometro ad aspirazione, di Assmann.    Iniziazione alle misure aerologiche e presentazione di pluviometri (a destra).


Piccolo giro nel parco dell'Osservatorio

Una piccola passeggiata di 600m ci porta davanti all'edificio dove la radiosonda di mezzogiorno è in corso di preparazione. Il pallone da 800g (paracadute compreso) è in corso di gonfiaggio (con elio). La radiosonda è una RS92SGP e la sua frequenza abituale è 405.100 MHz come quella di Stuttgart. Anche quando ne abbiamo viste a decine dileguarsi in aria, il momento è sempre appassionante, soprattutto quando si dice che questa andrà ad atterrare in Polonia... Avremo un pensiero per Paul Dückert che, il 22 maggio 1930, rilasciò qui la prima radiosonda tedesca che lui stesso aveva ideato. Misurava contemporaneamente la pressione, la temperatura e l'umidità.
Sulla collina si trova una strana edicola che assomiglia a una serra: è la Windenhaus. Saremmo tentati di tradurre questo nome con "la casa del vento" (der Wind = il vento, das Haus = la casa) ma sarebbe un errore poiché si tratta, di fatto, della casa del verricello (die Winde = il verricello), quel verricello che, dal 1910 al 1954 permetteva la manovra di grandi cervi-volanti (e di palloni vincolati) fino ad oltre 4000m d'altitudine e, a titolo di record fin qui ineguagliato (per un cervo-volante), anche 9750m il 1 agosto 1919. Tutta l'edicola ruota sul suo asse per voltare la schiena al vento. L'operatore poteva seguire ad occhio il cervo-volante (quando la visibilità lo permetteva) all'estremità dal suo cavo di acciaio. Bisogna anche immaginare una rottura di cavo (era relativamente frequente) e il cervo-volante volava via lontano, trascinando con sé il resto del filo d'acciaio. Un giorno, a Tegel, l'osservatorio in servizio presso Berlino prima di Lindenberg, un treno di cinque cervi-volanti folli ha percorso 140km trascinando 7km di cavo d'acciaio e provocando danni inconsueti al suolo! Si comprende perché Richard Assmann ha cercato un posto desolato per installare il suo nuovo osservatorio. Tutto questo è raccontato molto bene nell'eccellente sito: Cerfs-volants anciens (vedere collegamento a fondo pagina).
  
 Preparazione della radiosonda delle ore 12Z (rilasciata alle 1145Z)    La casa del verricello, a sinistra, e un laboratorio dedicato allo studio della radiazione, a destra.


La Ballonhalle 2


Ritorno nel paese, al 21 della Herzberger Strasse esattamente. Da sinistra a destra: l'hangar rivestito di legno dal tetto a due spioventi arrotondati che ricorda una fattoria del Nord-America, una Windenhaus, e un edificio senza piano allungato. Quest'ultimo, che dovrebbe divenire l'edificio di accoglienza, dopo il riattamento, è stato costruito durante l'ultima guerra e serviva per la preparazione delle radiosonde.
La Windenhaus rinnovata è vuota, il verricello è assente. Essa servirà da luogo di esposizione appena i lavori in corso saranno terminati.
Resta la Ballonhalle, edificio interamente in legno costruito nel 1936, che serviva all'immagazzinamento e al gonfiaggio dei palloni vincolati e dei cervi-volanti. Una grande porta scorrevole, dalla parte opposta alla strada, permetteva di far uscire i palloni pronti per il decollo.
E' la sala più importante di esposizione. Vi si entra attraverso una piccola porta e ciò che colpisce di più il visitatore sono questi cervi-volanti smisurati che sono appesi al soffitto. Per la maggior parte sono degli apparati ricostituiti a partire da antichi piani di lavoro.
Sei vetrine presentano, classificati per tema, differenti strumenti di misura, interi o sgusciati per mostrarne gli organi. Ci si può anche sbalordire davanti all'ingegnosità degli antichi per realizzare dei sensori o dei sistemi di codifica, allo stesso tempo, a buon mercato, leggeri e precisi (almeno per l'epoca). Oltre le radiosonde, potremo ammirare dei meteografi (registratori installati sui cervi-volanti o sui palloni vincolati) dei razzi-sonda (rocketsonde in inglese o Raketensonde in tedesco), una dropsonda...
Una dozzina di pannelli esplicativi, particolarmente ben fatti, presentano antiche foto nelle quali è possibile vedere alcuni degli oggetti esposti nelle vetrine. Le spiegazioni succinte sono sufficienti sia per il pubblico che per gli amatori esperti.

  
 La stanza del pallone, La Ballonhalle 2, vista dalla strada    Il locale del verricello, La Windenhause 2.

  
 Una piccola parte dello spazio d'esposizione, il cervo volante 684 è una antichità.    Un pannello esplicativo sulle radiosonde.


  
 Sensori ed altri componenti di una radiosonda.    rocketsonde, dropsonde et radiosonde per palloni vincolati.

  
 Meteorografi per cervi volanti, aerei, palloni liberi...    Stadio superiore di un razzo-sonda


Bibliografia e riferimenti

Lindenberger Himmels Jäger - un appassionante libro scritto da Hans Steinhagen, storico dell'associazione
Meteorologisches Observatorium Lindenberg - Richard-Aßmann-Observatorium

100 Jahre Atmosphärensondierung am Meteorologischen Observatorium Lindenberg (Promet 2005 Helf 2-4)
Entdeckungen in freier Atmosphäre

Cerfs-volants anciens (F).
http://www.aigoual.asso.fr/fr/expo_perm.php : il sito del museo della meteorologia del Mont Aigoual (F).