(1)

 La caccia alle radiosonde: ma è molto semplice!
__
Ritorno alla home page

traduzione di Aki IZ0MVN

Quando si va a caccia di radiosonde, ci si imbatte spesso in camminatori incuriositi dal comportamento di questo individuo che scruta le nuvole con la sua antenna-rastrello, che torna su se stesso come una banderuola in una giornata di tempesta. Spesso si inizia una conversazione, il viandante pone delle domande che il cacciatore fa finta di non trovare assurde.

Il viandante:
Posso chiederle che cosa cerca?

Il cacciatore: cerco una radiosonda, una sorta di pallone-sonda inviato dal Servizio Meteorologico per misurare la temperatura, l'umidita dell'aria, la velocità e la direzione del vento nell'alta atmosfera. E' una piccola scatola bianca, grande come un mezzo chilo di zucchero, sospesa ad un pallone gonfiato con elio o idrogeno. Può salire fino a 35 km di altezza e ridiscende quando il pallone scoppia. Le misure, trasmesse per radio, servono a fare le previsioni meteo.

Il viandante: Ah, lei lavora per il Servizio Meteo?

Il cacciatore: No, non proprio, sono radioamatore; ho un ricevitore che può ricevere i segnali emessi dalle radiosonde e un'antenna speciale che mi permette di sapere in quale direzione si trovi. Quando è in aria, provo a seguirla per avvicinarmi al posto dove cadrà e quando è al suolo la cerco con il radiogoniometro.


Il viandante: ricade sempre nello stesso posto?

Il cacciatore: assolutamente no; si sa da dove parte ma non si può sapere esattamente dove va a cadere ma, dal momento che si possono conoscere i venti in quota, abbiamo un programma su PC che permette di sapere in quale regione cadrà. Per esempio, quella che ora cerco è partita da Milano un'ora e mezza fa e attualmente si trova sopra le Alpi a più di 20 chilometri d'altezza. Dal momento che il vento, là in alto, soffia a più di 100 km/h essa ricadrà nel sud del Ticino in Svizzera a una velocità di caduta di 20, 30 metri al secondo.

Il viandante: ma è pericoloso per gli Svizzeri!

Il cacciatore: si e no. Ricadono sulla terra circa 2000 radiosonde al giorno, da 300 grammi, che fa 600kg e cadono, allo stesso tempo, più di 1000 kg di meteoriti. Io non conosco nessuno che sia stato graffiato da un meteorite. Una radiosonda che cadesse sul tetto di una macchina non farebbe nemmeno un'ammaccatura. Statisticamente, se il vostro giardino è di 10 acri, si dovrà aspettare 20000 anni per avere una possibilità che una radiosonda vi cada... Per quanto riguarda l'inquinamento generato da una radiosonda che cade in natura, non è nulla rispetto a ciò che lasciano gli escursionisti sui sentieri.

Il viandante: che se ne fa quando ne trova una, la riporta al centro meteo che l'ha inviata?

Il cacciatore: dipende. Gli Svizzeri le recuperano e le riutilizzano ma non gli altri paesi. Come radioamatori, le studiamo dal punto di vista tecnico ma non c'è niente da recuperare, a parte le pile, se non sono troppo usate. Penso che costerebbe troppo caro riciclarle per riutilizzarle e il loro costo è molto basso rispetto agli altri costi dei radiosondaggi che sono, essi stessi, poca cosa rispetto ai servizi resi alla navigazione aerea, per esempio. Tutto questo per dire che se lei ne trova una è sufficiente togliere le pile all'interno e poi può trattarla come un vecchio apparecchio elettronico.

Il viandante: Che cosa ascolta nel suo apparecchio radio?
(cliccare sulla foto per ascoltare una RS92-KL)


Il cacciatore: E' il canto di una radiosonda. Ogni tipo di sonda emette un suono specifico. Quello che si ascolta qui è una RS92-KL fabbricata dalla società finlandese Vaisala. Dirigendo la mia antenna verso il massimo del segnale, conosco la direzione della radiosonda. Così, ora sono sicuro che si tratti della sonda rilasciata da Nancy verso mezzogiorno. Ascoltando il suono che emette ora posso dirle che il pallone è appena scoppiato e che essa sta ricadendo. In meno di un'ora sarà sopra un albero, in un campo o, ancora, in un parcheggio. Ho giusto il tempo di avvicinarmi al suo punto di caduta per sperare di ascoltarla quando sarà al suolo.

Il viandante: allora la lascio. Grazie per le spiegazioni. Buona caccia!

Il cacciatore: Grazie, buona passeggiata. Guardi con attenzione nell'aria, non si sa mai dove cadano questi dispositivi!


Per saperne di più:
Lista delle Stazioni di Radiosondaggio in Europa occidentale
Che cosa c'è in una radiosonda
Il canto delle radiosonde
Come si lancia una radiosonda