(0)

 Il Radiosondaggio: uso del diagramma dei venti (windgram)

Ritorno alla home page

(traduzione di Aki IZ0MVN)

Vedere anche: Incertezza sulle previsioni - modo d'impiego di NOAA-READY - Modo d'impiego del sito UWYO - Volo di una RS - Atmosfera standard - Diagramma Skew T -

Se non ci fossero venti, una radiosonda ricadrebbe teoricamente sul suo punto di partenza. Se questo succede, è piuttosto perché i venti contrari annullano i loro mutui effetti; è rarissimo. Per stabilire una previsione di traiettoria è quindi necessario conoscere con la massima precisione la direzione e la forza del vento ad ogni quota che la radiosonda sta per attraversare, sia ascendendo che ridiscendendo. Il diagramma previsionale dei venti, per la zona interessata, ci fornisce queste informazioni.

Rappresentazione simbolica della forza e della direzione del vento

I meteorologi usano un simbolo molto semplice per rappresentare, in una volta, la forza del vento (in nodi, simbolo "kt" per "knot") e la sua direzione, relativa al nord, verso la quale soffia il vento. Questi simboli, chiamati barbigli (punte uncinate) sono molto facili da leggere con un po' di addestramento. Come una bandiera, un barbiglio è composto da un'asta, piantata nel posto di misura, su una mappa, ed orientata nel senso del vento. Per esempio, il barbiglio C rappresenta un vento che viene dal nord e che soffia verso il basso, dunque verso il sud. Il barbiglio F indica un vento che spingerà il pallone verso sud-est, con un azimut di 140 gradi. Importa fare mente locale sulla rosa dei venti, qui a lato.
La forza del vento è rappresentata con dei tratti o dei triangoli:
- un tratto grande = 10 nodi;
- un tratto piccolo = 5 nodi;
- un triangolo = 50 nodi;

I colori servono semplicemente per aiutare nella lettura, non sono indispensabili.
Esempi di barbigli:
A: un grande tratto a forma di bandiera = 10 kts;
B: un tratto grande + uno piccolo = 10 + 5 = 15 kts;
C: due tratti grandi = 10 + 10 = 20 kts;
D: un triangolo = 50 kts, vento che soffia verso 210 gradi.
E: un triangolo e un tratto grande = 60 kts;
F: 90 kts;
G: vento molto forte di 125 kts (230 km/h).

Conversioni di unità:
1 kt = 1,852km/h = 30,86m/min = 0,514m/s;
1km/h = 0,54 kt;
1m/s = 1,944 kt
Vedere anche: Conversione di unità di velocità

Descrizione di un windgram

Il windgram si presenta sotto forma di una tabella di simboli (barbigli) con una colonna per periodo (es: 20/08 alle 1200Z) e una linea per strato di atmosfera (es: 250 a 300 mb, leggi millibar o ettopascal).
L'asse P delle pressioni è anche quello delle altitudini poiché l'altitudine si misura anche con un barometro. La corrispondenza tra pressione in hPa (o mbar) e quota in km è data nella tabella delle caratteristiche dell'atmosfera standard .
L'asse D del tempo indica il giorno e l'ora UTC (es: 00Z per ora 0 UTC).
L'abbreviazione in inglese del giorno si traduce come segue:
- MON: monday = lunedì;
- TUE: tuesday = martedì;
- WED: wednesday = mercoledì;
- THU: thursday = giovedì;
- FRI: friday = venerdì;
- SAT: saturday = sabato;
- SUN: sunday = domenica.

Nel sotto-titolo A si visualizza la posizione geografica (latitudine e longitudine in gradi decimali).
Si evidenzia che al di sopra di 20000 metri di quota (< 50 hPa) i venti sono molto deboli e di direzioni molto variabili (zona E) ma non è sempre così e la loro influenza sulla traiettoria del pallone non è trascurabile quando questo sale a più di 30000 m.
Tra il 23 e il 24 agosto si sviluppa una zona di venti violenti (come per il lunedì 20 agosto), zona C sulla figura. Spesso, in questo strato compreso tra 7 e 12 km di quota, si trovano le correnti-jet (in inglese: jet-stream), venti molto violenti che fanno derivare le radiosonde a più di 200 km (più di 300km quando il vento supera i 200km/h).
Due giorni più tardi (zona B del diagramma) la direzione del vento s'inverte, passando per un periodo di venti molto deboli e variabili.
I colori dei barbigli aiutano la lettura del windgram.

Come ottenere un windgram

Il sito di NOAA-READY, da dove è stato preso l'esempio qui sopra, è un buon mezzo per ottenere un diagramma dei venti. Esso si basa sulle misure effettuate quotidianamente dalle stazioni di osservazione e di radiosondaggio del mondo intero. Il modo d'impiego di NOAA-READY è abbastanza semplice.
Per simulare con BT la traiettoria reale di una radiosonda meteo regolare, si può recuperare sul sito dell'Università del Wyoming il file delle misure trasmesse da questa sonda. I valori della direzione e della velocità del vento, in funzione della quota, sono molto più precisi di quelli della previsione. Per poco che abbiamo potuto misurare precisamente la durata della salita e quella della caduta, la simulazione della traiettoria può essere abbastanza precisa e tale da permettere di localizzare la zona di caduta della RS (v. Modo d'impiego del sito UWYO e NOAA-READY ).


home page