(3)

 Gli svolgitori di cordicella

Ritorno alla home page

(traduzione di Aki IZ0MVN)

Vedere anche: Lancio d'una radiosonda - Gli involucri dei palloni-sonda - I paracadute dei palloni-sonda

Il cacciatore di radiosonda debuttante è talvolta perplesso dalla presenza sotto il paracadute di un tubo in plastica munito di un palloncino sgonfio. Si tratta di uno svolgitore di cordicella (inglese: unwinder o derreler).

Principio

Per evitare che l'involucro del pallone (e l'eventuale paracadute), scaldato dal sole, riscaldi esso stesso l'aria e disturbi la misurazione della temperatura e dell'umidità, il contenitore della radiosonda è sospeso sotto il pallone alla fine di una cordicella di una trentina di metri.
Al momento del lancio, questa cordicella può essere molto scomoda per il tecnico incaricato del sondaggio o per il lanciatore automatico. Così, essa è tenuta su una bobina che la libererà lentamente (in qualche centinaio di metri di salita) a partire dal lancio. Questa bobina è chiamata "svolgitore". Essa è fissata il più vicino possibile al pallone.
      
 Sotto l'azione del sole, l'involucro si riscalda e l'aria che esso attraversa vede le sue caratteristiche modificate.    Al momento del rilascio tutta la cordicella è mantenuta sullo svolgitore e non rischia di aggrovigliarsi.    In meno di un minuto tutta la cordicella viene svolta, il dispositivo è uscito dalla scia del pallone.


Nota: una cordicella lunga è anche utile per aumentare il periodo e ridurre l'ampiezza di oscillazione del contenitore della RS; il QSB (fading) durante la trasmisssione del segnale è allora più basso ed il rischio di perdita d'informazioni ne viene altrettanto diminuito.
I cacciatori di RS apprezzano ugualmente ritrovare il contenitore della RS al livello del suolo allorché il paracadute resti impigliato nella parte alta di un albero.

Funzionamento d'uno svolgitore a palloncino

Una serie di foto che mostra qui il movimento della cordicella intorno al palloncino. L'attrito della cordicella sul pallone e l'inerzia di quest'ultimo determinano il numero di giri/minuto di svolgimento della cordicella. La velocità alla quale la cordicella si divide deve essere inferiore alla velocità ascensionale del pallone in modo che il dispositivo sia trattenuto verso l'alto il più velocemente possibile e non rischi di essere trascinato a terra. Ma, d'altro canto, la durata dello srotolamento deve essere abbastanza lento perché tutta la cordicella sia svolta a qualche centinaio di metri di altezza. In pratica essa è compresa tra 30 e 90m/min, in rapporto al pallone, e dipende dalla massa del dispositivo che gli è agganciato.
Lo svolgitore qui presentato è distribuito da Modem che ha fatto imprimere il suo logo sul palloncino. Se ne vede di tutti i colori...


Uno strano pezzo di cartone

Succede qualche volta che il cacciatore scopra che lo svolgitore è agganciato a un tubo di cartone di sezione quadrata aperto agli estremi (foto a lato). La cordicella attraversa il tubo "diametralmente" per ricongiungersi al paracadute.
Questo accessorio, chiamato "hanger board" da Vaisala, non è un riflettore radar ma un semplice stabilizzatore per lo svolgitore.




Tipi diversi di svolgitori

Benché si incontrino ancora degli svolgitori che somigliano a quello di figura B con le sonde Vaisala, è soprattutto lo svolgitore a palloncino (fig. C) che viene sempre più utilizzato.
  
 A. Questo svolgitore, che equipaggiava le RS80, aveva spesso dei problemi di funzionamento.    B. La flangia circolare alla base della bobina forza lo svolgitore ad oscillare intorno al suo asse, cosa che rallenta lo sbobinamento. Una flangia supplementare in plastica, di maggiore diamentro, può essere usata sotto lo svolgitore (Vaisala).

  
 C. Il palloncino, fissato all'estremità del cilindro in legno sul quale è avvolto il filo, con lo scopo di frenare lo svolgimento della cordicella, non viene mai gonfiato.    D. Poco comune, questa bobina era agganciata alla sommità del paracadute, l'estremità della cordicella essendo legata alla bocchetta di gonfiaggio dell'involucro. Sembra che l'operatore svolga lui stesso la quantità di cordicella voluta prima di rilasciare il dispositivo.

  
 E. Tecnica originale: lo svolgitore è integrato nel contenitore di questa Viz Microsonde MK2. Basta tirare la copiglia G per sbloccare lo svolgitore.    


home page