(0)

 IL diagramma "Skew-T"

Ritorno alla home page

Vedere anche : Caratteristiche dell'atmosfera -

traduzione di Aki IW0BWZ


Quando, sul sito di NOAA-READY (http://www.arl.noaa.gov/ready/cmet.html), si cerca di reperire il diagramma dei venti necessario per effettuare un calcolo di traiettoria, si cade sulla schermata a lato. Wikipedia ci insegna che la figura rappresenta uno "Skew-T" che è uno dei quattro diagrammi termodinamici utilizzati per analizzare la conformazione termica dell'atmosfera. Il nome deriva dall'aspetto inclinato (skewed, in inglese) dell'asse delle temperature. Esso è usato per indicare la temperatura ed il punto di rugiada derivante da un sondaggio aerologico per mezzo di radiosonde, o da un aereo o estrapolati da un satellite. Claude, F4UGF, ha chiesto al suo amico Gérard, un meteorologo dilettante esperto ed appassionato (vedi il suo blog), di spiegarci lo skew-t del 07/10/2009 alle 06Z.



Descrizione

Le frecce sulla destra del grafico mostrano, ad ogni livello di quota, la direzione e la velocità del vento con la freccia alla fine della linea:
- Un triangolo (in alto) indica 50 nodi, la direzione è sud-ovest in questa posizione;
- Un tratto lungo significa 10 nodi, con un numero che va da 1 a 4 per velocità che vanno da 10 a 40 nodi;
- Un tratto breve indica 5 nodi;
In Km/h, il nodo equivale a poco meno del doppio.
n nodi= 2n -2n/10 kmh; vento medio, assenza di raffiche.
Si evidenzia un colpo da sud nei bassi strati e poi, sopra, vento da sud-ovest in aumento. Per il vento, se la sua velocità è in aumento fino alla tropopausa, questo è dovuto alla presenza della corrente a getto che passa sopra.

Il grafico fornisce: -in ordinata, i livelli di pressione che possono essere convertiti in quota (pressione da 100 a 1000 hPa); -in ascisse, le temperature: La curva rossa a destra fornisce la temperatura, quella di sinistra la temperatura del punto di rugiada (sia quella dell'aria satura di umidità; il termometro è bagnato). Più le curve sono lontane, più l'aria è secca, come nel caso del 7 ottobre esaminato. In caso di aria satura le due curve si uniscono, per esempio in una nuvola, come è il caso tra 350 e 200 hPa, da 8000m a 12000m circa).

Per la temperatura, che decresce con la quota, si distinguono 2 cose:

1 – verso 12000m (200hPa) il senso s'inverte, escludendo la tropopausa, che corrisponde al passaggio dalla bassa atmosphera, o troposfera, alla stratosfera. Da noi questo livello varia da 8000 à 12000 m circa ed è alto in questo 7 ottobre, normale poiché siamo in aria d'origine meridionale.
2 – nei bassi strati si distingue il colpo di calore legato alla corrente del sud fino a 3500 metri d'altezza (650hPa).
La pendenza della curva fornisce il gradiente secondo la quota, così è possibile distinguere i livelli di inversione della temperatura, importante per le nebbie, i livelli di nubi, perché l'aria che sale è fermata a questi livelli; ce ne sono alcuni qui, tra i 950 e 900hPa.