(0)

Risorsa di creazione di mappe - modo d'impiego
-

Ritorno alla home page

(traduzione di Aki IZ0MVN)



Vedere anche: Una risorsa per misurare e tracciare su Google map - Balloon Track: tracciato di traiettoria su un mappa - SondeMonitor: parametri elementari e creazione di una mappa -

Risorsa di creazione di mappa

Varie applicazioni utilizzate dai cacciatori di palloni-sonda (Balloon-Track, SondeMonitor, UI-View...) sono basate su mappe che l'utilizzatore può copiare, scansire o disegnare lui-stesso e che deve calibrare affinché l'applicazione possa associare una posizione geografica ad ogni pixel della carta. Questa operazione di calibrazione è delicata e fastidiosa; la presente risorsa, basata su Google-map, facilita un po' l'operazione.
Per l'utilizzo di base di Google-map, vedere il modo d'impiego della risorsa di tracciatura.


Principio di creazione e di calibrazione di una mappa

Prendiamo l'esempio di Ballon-Track (BT). Il tracciamento della traiettoria previsionale si effettua su uno sfondo di mappa fornita dall'utente e che copre la zona su cui evolverà il pallone o la radiosonda. Per avere una precisione massima, occorrerà che questa mappa sia a grande scala (1/100000 o 1/50000 per esempio) non avendo dimensioni più grandi della finestra di BT. Si dovrà dimensionare questa mappa su misura, realizzando una scansione di una mappa cartacea o facendo una copia di schermo da Géoportail, Michelin o Google-map. Notare che Google-map permette altresì di visualizzare una mappa "in rilievo" o in una vista aerea.
L'immagine scansita o copiata a schermo verrà salvata in un file bitmap o .JPG (preferire questo formato per ragioni di dimensioni del file). Per BT la dimensione dell'immagine è limitata da quella della finestra nell'applicazione. Per SondeMonitor (SM) la dimensione in pixel della mappa è principalmente limitata dalla capacità della memoria del calcolatore.
Il file dell'immagine viene messo in una cartella conosciuta da BT o da SM e sarà caricata a richiesta.
Perché l'applicazione BT possa associare a un pixel della mappa una posizione geografica bisogna fornire almeno due punti di riferimento che gli permetteranno di individuare il centro della mappa sulla superficie del globo e di calcolare la scala di questa mappa. SondeMonitor ha bisogno di almeno quattro punti per una migliore precisione. L'azione di fornire a BT o a SM questi punti di riferimento si chiama calibrazione. E' una funzione interna all'applicazione. La figura a lato rappresenta, allo stesso tempo, un punto già calibrato a un incrocio e la finestra che permette di immettere la posizione di un punto supplementare.
Per BT vedere: tracciato di traiettoria su una mappa
Per SM vedere: parametrizzazione elementare e creazione di una mappa
Dopo la memorizzazione in un file BMP o JPG, l'utente deve rilevare su Google-Map (per esempio) la posizione geografica precisa dei punti di calibrazione. Questi devono essere situati il più vicino possibile agli angoli della mappa. Ci si riferirà a dei posti caratteristici (incrocio, chiesa, lettera di un nome di luogo...) e si annota la posizione corrispondente in gradi decimali (per BT) o in gradi e minuti decimali (per SM). I gradi decimali sono facili da ottenere, i gradi e minuti decimali richiedono l'uso di un mezzo di conversione. Il numero di decimali dipende dalla precisione desiderata. Per una mappa la cui larghezza rappresenta 200km ci si può accontentare di due decimali per i gradi (nel caso di BT) e di un solo decimale per i minuti (nel caso di SM).


Uso della risorsa di creazione di mappa

Questa risorsa ha delle possibilità limitate. Essa non dispensa dalla operazione di calibrazione che è propria di ogni applicazione (BT o SM). Di contro, permetterà di mettere sull'immagine i punti di riferimento e di fornire allo stesso tempo le posizioni di questi punti nel formato necessario. Il suo impiego è molto semplice:
1) visualizzare la mappa nel modo desiderato (piano, rilievo, foto aerea), centrarla e dimensionarla per coprire la zona di interesse.
2) selezionare BT o SM per scegliere il giusto formato di visualizzazione delle coordinate dei punti di riferimento cliccando su uno dei pulsanti-radio del pannello in alto sulla finestra (rif.
A)
3) cliccare il più vicino possibile all'angolo sinistro della mappa su una zona chiara e definita: un piccolo marcatore nero formato da 3 tratti (ad angolo retto) e un punto viene messo sull'immagine (rif.
D) mentre la posizione si visualizza nella zona a fondo grigio (rif. B sulla figura a lato).
Nota: utilizzando la visualizzazione a schermo intero (tasto F11 per Firefox) si può ottenere una mappa ben più grande, per SM in particolare.
4) cliccare poi sull'angolo opposto (per BT, sono necessari soltanto due punti) o nei quattro angoli come indicato dalle frecce blu sulla figura. Il colore dei marcatori è, sicuro, in relazione con quello di ciascuna delle zone di visualizzazione.
5) portare il cursore del mouse fuori dalla finestra per far sparire il controllo di Google-map (a meno che non si desideri che la scala resti sulla mappa).
6) Premere il tasto [stampa schermo] per fare una copia di schermo.
7) Incollare la copia di schermo in una applicazione di ritocco foto come Paint, Paint Shop Pro o PhotoFiltre (tasto Ctrl-V)
8) ritagliare la parte dell'immagine corrispondente alla sola mappa (senza dimenticare di includervi i marcatori!) per eliminare le parti inutili, ivi compreso il pannello di visualizzazione delle posizioni di ogni marcatore (per quanto con SM si potrebbero conservare senza grandi inconvenienti) e salvarla come una nuova immagine in un file al quale daremo un nome significativo e che sarà collocato nella cartella "chart" di SM o "map" di BT.

Resta da aprire BT o SM per eseguire l'operazione di calibrazione. Per evitare di annotare su carta la posizione dei marcatori, basta lasciare aperta, in fondo, la finestra della risorsa di creazione di mappa in modo da avere sotto occhio i valori da scegliere. Si può fare, allora, un copia-incolla.
Importante: per SM, dopo aver scelto i quattro punti di calibrazione, non dimenticate di fare "save"...


Creazione di una mappa più grande per assemblaggio

Con SondeMonitor (SM) è possibile usare mappe di formato infinito (di fatto limitato dalle capacità del calcolatore). Quindi gli si possono fornire delle mappe che superano largamente il formato dello schermo.
Ecco il metodo per creare una mappa 4 volte più grande dello schermo, per assemblaggio di 4 copie di schermo: un quarto nord-ovest, un quarto nord-est ecc... Le 4 immagini saranno assemblate con l'aiuto di una risorsa di trattamento immagine come Paint Shop Pro o equivalente. La croce messa in basso e a destra nella figura qui a lato (rif.
C) viene messa per semplice clic dopo aver selezionato l'opzione X nel pannello superiore della mappa (rif. A). Per la copia di schermo nord-est si farà in modo che la croce sia orientata nell'angolo in basso e a sinistra dello schermo. Il ruolo della croce è di facilitare l'assemblaggio per allineamento dei quattro quarti. Inoltre la croce si troverà vicino al centro della mappa di dimensioni quadruple.
Certamente, basta mettere un solo segnale di calibrazione per ogni quarto di carta: per esempio in basso e a destra del quarto sud-est, dal lato opposto della croce.
Riassumendo:
- premere il tasto funzione F11 per mettere la finestra a schermo intero;
- selezionare la croce;
- centrare la mappa in modo che copra il quarto nord-ovest;
- piazzare la croce in basso e a destra (mascherare la mini-mappa);
- selezionare BT o SM;
- prendere il mirino nero in alto a sinistra;
- far uscire il cursore dalla mappa per far sparire i cursori e tasti di Google map;
- fare una copia a schermo e incollarla nella risorsa di trattamento di foto;
- ricentrare la mappa in modo che la croce sia parzialmente visibile in basso e a sinistra;
- mettere il bersaglio blu in alto e a destra;
- portare il cursore fuori mappa;
- fare una copia a schermo e incollarla nella risorsa di trattamento di foto;
... stesso principio per i quarti sud-est e sud-ovest.
Quando siamo in possesso delle quattro immagini non resta altro che assemblarle. E' la parte più lunga e la tecnica dipende dalla risorsa utilizzata.

Note:
- ad ogni clic i parametri di Google-map vengono salvati (fattore di zoom, posizione del centro della mappa);
- per cancellare i mirini sulla mappa e ripartire con una carta vergine (modo "piano") basta ricaricare la pagina per mezzo del pulsante del navigatore [Aggiornare la pagina corrente]. Non si può togliere un mirino messo per errore.
- si possono mettere più di 4 mirini ma l'immissione del quinto cancella il primo. Basta annotare su un foglio di carta le informazioni prima che esse vadano perse.
- è possibile calibrare una mappa con la scala di un quartiere, la precisione corrispondente a tre decimi di minuto d'arco è inferiore a 1m alle nostre latitudini.
- Si può preparare una biblioteca di mappe con dei punti di riferimento precisi. Essa può essere organizzata sul disco fisso di un PC portatile e richiamata di volta in volta per BT, SM e per spostarsi sul terreno. Se abbiamo lasciato stampare la scala sulla mappa e il pannello con le quattro posizioni è stato salvato, potremo trovare le coordinate di un punto qualunque con un calcolo semplice, per quanto un po' laborioso...
- Possiamo preparare delle grandi carte da 4, 6, 8... copie di schermo. Ma la precisione del posizionamento sarà degradata a causa della rotondità della Terra e della modifica della scala su Google-Map.

 

home page